Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Factory Fattori | 25 Marzo 2019

Scroll to top

Top

Intro

Nell’arco di due giornate lavorative, Ale mette in scena, con una lingua fredda, grezza e sincopata, il dramma di un operaio schiacciato fra le regole produttive della multinazionale e quelle cameratesche dei colleghi. Scaturisce una guerra di trincea raccontata con lucidità e follia. Se il nemico non è individuabile, allora tutti diventano nemici: quest’odio indiscriminato, calmato solamente grazie a dosi quotidiane di eroina e musica in mp3, è rivolto a dirigenti, capireparto, operai, il paese stesso in cui vive. e follia.

“Domani sparerò in mensa. Alle 12:47. Svolgerò regolarmente le mie mansioni nel turno della mattina, quello che va dalle 6:00 alle 12;30. Timbrerò il cartellino, preleverò come sempre il cutter e guanti dall’armadietto. I miei movimenti saranno ancora più lenti, il giorno dell’apocalisse richiede una liturgia di gesti precisi e armonici. In questo momento non saprei dare un senso a tutto il sangue. Sparerò nel mucchio, perché una cosa sola ho capito in ventitré anni di fabbrica. Ho capito che nessuno è innocente. Tutti si macchiano di crimini. In questo posto maledetto tutti i delitti sono colposi. Il delitto colposo, il più stupido e insopportabile, il più indecente.”

12:47#3 Lidl e Astra

20 Gennaio 2017 |

Ho vissuto i miei ultimi giorni in perfetta simbiosi con questo luoghi in perfetta simbiosi con questo luogo, nessun radiogiornale, nessun contatto telefonico con persone che non attengono a questo luogo, nessuno stimolo etico, culturale o politico. Potrebbero distrarmi … Read More

12:47#2 L’agnostico più bigotto

19 Gennaio 2017 |

Io sono debole e confuso, figlio di una generazione impresentabile, pallida, cresciuta nelle tenebre. Il mio odio rischiava di non deflagrare verso l’esterno, ma di implodermi nelle viscere riempendomi di metastasi.

Non ho mai trovato collocazione certa, sempre spiazzato … Read More

12:47#1 (Dai che domani è venerdì)

14 Gennaio 2017 |

Libro primo: Le colpe degli umili

Domani sparerò in mensa. Svolgerò regolarmente le mie mansioni nel tutno della mattina, quello che va dalle 6 alle 13:30. Timbrerò il cartellino, preleverò come sempre il cutter e i guanti dall’armadietto. I … Read More