Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Factory Fattori | 24 giugno 2018

Scroll to top

Top

Le paginate on line dei più diffusi quotidiani nazionali ne vanno ghiotte, e io pure, acchiappano inoltri a ripetizione per la soddisfazione degli inserzionisti, sono notizie che si infilano nella sezione Salute, nello specifico l’articolo si apre un varco nelle temutissime Neuroscienze, che a solo evocarle mi sento sprofondare nella poltrona puff come Fracchia davanti a un Gianni Agus megadirettore inarrivabile. Ma poi il titolo mette un po’ come di allegria, leggerezza, e capiamo subito che la faccenda è tragica ma non seria. Siamo sulla pagina on line del Corrierione della sera, il giornale che l’edicolante porgeva simaticamente ogni mattina al cumenda già sulla strada verso l’ufficio, quasi lanciandolo perchè di tempo da perdere ne ghe minga:

Dipendenza da esercizio fisico: 6 segnali per riconoscerla (e un consiglio per uscirne)

Non so, devo procedere? Elencarveli tutti questi sei punti? Commentarli uno per uno? Confutarne uno piuttosto che constatare insieme a voi maquantoèveroquestosissièpropriocosì! MA CHE VE LO DICO A FARE? Chi compra questa rivista sa, conosce bene queste dipendenze, le miserie alle quali siamo condannati, la leggera depressione che ti coglie la mattina presto, apri gli occhietti cisposi e prendi coscienza, metti a fuoco che una nube sta oscurando la tua esistenza, ora ricordi, sì, lo sperone al tallone, appena appoggi il piede a terra ricordi, cavolo se ricordi, una scarica elettrica risale fino al nervo sciatico, su su fino a quella zona del cervello, fino a quel chip che presiede attività aerobiche e in piccola parte anaerobiche, quel componente che una volta si credeva essere esclusivo patrimonio di una ristretta cerchia di umani fortunati o disgraziati, questo è da verificare. Eppure cercavano a forza di inserirlo a tutti fin da piccini quel pezzo, usavano torture inquadrate in un sistema denominato Giochi della gioventù, perchè, si diceva, anche i nani cominciano da piccoli. Parlo di archelogia, usanze e riti dimenticati per fortuna: professori di educazione fisica che continuavano a perseguitare i bambini anche oltre l’orario scolastico, era pre Telefono azzurro. Oggi tutto è ben regolamentato: tedesco dalle 14.30 alle 16:00, scherma alle 17, pattinaggio su rotelle alle 19:30, per poi lasciare il campo a fasi che alternano momenti di iperattività e logorrea ad altri di completa assenza, il vuoto nella mente, quando i piccini sembrano completamente risucchiati dallo smartphone.
Ma oggi sappiamo che siamo tutti grandi campioni, e lo possiamo essere a qualunque età, nulla è perduto, se vogliamo essere primatisti mondiali di qualcosa noi possiamo esserlo. Basta un po’ di fantasia.

LA FANTASIA AL POTERE!

Fu un fortunatissimo slogan del Maggio Sessantottino che sembrò fallimentare nel medio termine ma che vide poi una scoppiettante realizzazione in Italia a metà degli anni Novanta, libreria alle spalle e via di Questo è il paese che amo. Ma le nostre sono fantasie più piccine, siamo innocui, non ci interessano potere e denaro, ma quel siparietto che Wharol liquidò come il quarto d’ora di notorietà, e ci inventiamo un microcosmo, una specialità tutta nostra e iniziamo una personale narrazione che qualcuno raccoglierà, un giornalista impreparato, un blog a caccia di visualizzazione forte di punti esclamativi. Mentre scrivo sulla home di Facebook mi passa un articolo così intitolato: 12 ORE su TAPIS ROULANT – ASSALTO al RECORD del MONDO!

Sono sinceramente commosso, per nulla arrabbiato o infastidito, ma non ho la forza di leggerlo questo pezzo. Vengo colto da uno stato neurovegetativo che è quasi serenità, pacificazione, sono in armonia con un mondo che non comprendo ma che mi costringe a una tregua. Penso a quanto siano sconfinate le possibità che il genere umano ha saputo costrursi: in una libreria ho visto un libro sull’uncinetto applicato a maglioncini per cani di piccola taglia. Perchè dovrei ancora meravigliarmi di qualcosa nel mondo della corsa? Noi podisti siamo migliori o peggiori di qualche altra categoria? No. Siamo dentro allo stesso circo, un circo minore, di quelli con cognome altisonante ma che poi deludono, hanno qualche animale malaticcio per nulla feroce e i clown ci mettono malinconia. 
 

Ci sono un sacco di segnali sulla dipendenza da esercizio fisico, sei sono pochi, caro sito online del Corrierone della sera.
Ma senza dipendenze non esistiamo.

Pezzo già uscito su Correre

LA VITA DEGLI ALTRI

1 marzo 2018 |

 

Sono un podista cane che scrive di atleti forti, alcuni già affermati, altri giovani e promettenti. Li intervisto, li racconto. Chiuso il pezzo non sono sempre soddisfatto del lavoro che ho fatto, come se le vite di questi … Read More

DOMENICHE IN BIANCO

2 febbraio 2018 |

 

La prima domenica di novembre il mondo delle corsa impazzisce, anche perchè tutto il resto del mondo, ossia quello a cui non importa nulla del nostro sgambettare, sembra accorgersi di noi.

Un ragazzo sulla pagina Facebook Atleti disagiati … Read More

14 gennaio 2018 |

La signora Valenti aveva letto pochi capoversi di un libro prima di rigirarsi su un lato del letto e di tirarsi la coperta appena sotto al collo. Lo scrittore parlava in prima persona, colpevolmente privo di pudori, elencava le … Read More

Amori e tabelle di allenamento

4 gennaio 2018 |

Luca Tocco

18 ottobre alle ore 22:23 ·

 

L’estate passata da separati: io a casa, tu ad allenarti in montagna. Legnano – Vipiteno in due giorni per vederti. Telefonarti tutte le sere e litigare una sera sì e una … Read More

MOHAMED HAJJY, IL PANZER

1 dicembre 2017 |

 

Qualità o quantità? Perchè la quantità è diventata così importante nel nostro sport, come in nessuna altra attività dell’umano? La quantità, ovvero il numero dei chilometri percorsi, a volte sembra più rappresentativo dell’intensità. Tutti o quasi possiamo ambire … Read More

QUELLO CHE SUCCEDE LA’ DAVANTI

26 novembre 2017 |

 

Il podismo a Bologna, come in tutto il resto della penisola, alterna aspetti positivi ad altri più amari, è la solita minestra in fondo, scomparsa totale di top runner indigeni, ma grossa partecipazione di massa per eventi organizzati … Read More

SOSSORDI (Anche i ricchi sudano)

1 novembre 2017 |

 

Qualche mese fa è uscito su Internazionale.it un bell’articolo sul fenomeno Ironman e i suoi discepoli (https://www.internazionale.it/reportage/claudio-giunta/2017/04/23/ironman-sport), una bella analisi sul mondo e sulle dimaniche mentali che mettono in pista queli che “hanno deciso di crearsi un ostacolo e … Read More

GLI EROI NON SONO GLI EROI

18 ottobre 2017 |

Le parole “Eroe” e “Maratona” molto spesso sono state pronunciate e scritte molto vicine tra loro. Quasi che una evocasse l’altra. L’aspetto “epico” ha sempre trainato nell’immaginario umano l’idea della quarantaduechilometriequalcosa. Mai corsa una, ma non sono … Read More