Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Factory Fattori | 2 Luglio 2022

Scroll to top

Top

Alienazioni padane

C’è un giovane uomo, Ale, ha poco più di trent’anni. E c’è una città di provincia, con il suo contorno di bar, discoteche, appartamenti privati, uffici, strade nella nebbia. E ci sono gli altri. Ragazze belle e insoddisfatte, maschi viziati, appassionati di armi, colleghi di lavoro, fidanzati perbene catodici e goffi. Lui, Ale, li guarda tutti, li spia, li segue, li pedina. E ci racconta le loro vite, e la sua stessa vita, con una voce cinica e feroce, affilata da un sarcasmo velenoso e senza pietà.
Questo è un romanzo scritto da un giovane che racconta di giovani, ma che si discosta dalla media delle narrazioni dello stesso tipo. L’autore non è mai compiacente, mai affettuoso verso i suoi personaggi e la sua generazione. Sembra odiarla piuttosto, e allo stesso tempo odiare quella provincia meschina e lobotomizzata, quei riti squallidi che scandiscono la vita di ognuno: la discoteca, la cena con i colleghi, la festa di matrimonio, il venerdì con gli amici, il cinema il sabato e la pizza la domenica. A suo modo Ale è una figura tragica. È corrotto come i suoi coetanei ma allo stesso tempo prova sulla sua pelle un bruciante senso di esclusione.
Pagina dopo pagina il lettore è trascinato in un flusso vertiginoso, in un delirio di eventi scanditi con rabbia e velenosa ironia. Una prova travolgente, modernissima, affamata di vita e spregiudicata. Una scrittura che sembra non temere nulla. Scivola come una ballata di rock italiano anche se la musa sono i testi surreali di Sergio Caputo. Il normale si fonde con l’alieno nella grassa e annoiata zona tra Bologna e Ferrara. Il sesso diventa la chiave per l’evasione ma sfugge dalle amani e si trasforma in cronaca nera in un crescendo sapiententemente trattenuto. Chi è Ale veramente?

IQuindici

E chi sono iQuindici? Sono un gruppo di lettori e lettrici iscritti a Giap, la newsletter telematica di Wu Ming riunito attorno al progetto Lettori Residenti, attivo dal settembre 2002. I Lettori Residenti leggono, recensiscono, discutono tra loro del valore delle opere che ricevono, opere di autori sconosciuti, inediti, qualcuno li definisce esordienti

Alienazioni padane #9

2 Novembre 2016 |

CONSIGLI E INCIDENTI. QUATTRO

Tagliarsi le vene con una lametta e infilarsi in una vasca d’acqua bollente dopo aver ingurgitato psicofarmaci sedativi.

Pare sia uno dei suicidi più usati, specie tra le … Read More

Alienazioni padane #8

1 Novembre 2016 |

Carlo… Carlo che esce a cena con i colleghi del Consorzio, quelli sposati o rincoglioniti che poi usciti dal ristorante-pizzeria si fermano a dire due ovvietà a motore dell’auto acceso per poi prendere la via di casa … Read More

Alienazioni padane #7

20 Ottobre 2016 |

Quando morì mio fratello, avevo giusto vent’anni e non fu poi un gran colpo, Videomusic stava prendendo spazio nel mio cervello e poi Rico era ritardato mentale dalla nascita, non avevo mai capito un cazzo dei suoi … Read More

Alienazioni padane #6

17 Ottobre 2016 |

CONSIGLI E INCIDENTI TRE

Le amiche fidate spesso sono molto troie e quasi sempre non capiscono un cazzo, le più fortunate scrivono su riviste femminili o fanno le dietologhe. Giornaliste e dietologhe godono di grande … Read More

Alienazioni padane #5

15 Ottobre 2016 |

Il sabato e la domenica mi sveglio sempre tardi, dopo le undici, mangio qualcosa controvoglia, indosso pantaloni del pigiama e canottiera, poi indosso la prima maglia e i primi pantaloni che esplodono dall’armadio in disordine e dal … Read More

Alienazioni padane #4

10 Ottobre 2016 |

CONSIGLI E INCIDENTI UNO

Alla domanda QUANTO FA LA TUA MACCHINA CON UN LITRO evitare di rispondere che quando la spia del cruscotto si accende, si decide per un benzinaio o per un self, senza … Read More

Alienazioni padane#3

25 Settembre 2016 |

Sposto infastidito lo sguardo, anzi strizzo gli occhi girando la testa di lato, Carlo porta la camicia coi due bottoncini che tengono imprigionate le punte del colletto che non può far altro che affiorare da un maglione di lana verde, … Read More

Alienazioni padane #2

14 Giugno 2016 |

Scivola la notte, Jusy che di cognome fa “con la Y greca” mi tiene la mano, cerca di descrivermi carri che non vedo indicando il cielo d’agosto, mi chiede data e ora della mia nascita, me ne invento una al … Read More

Alienazioni padane #1

14 Giugno 2016 |

Franca mi guarda e non aggiunge altro al mio disgusto che mi fa la bocca amara e distogliere lo sguardo. Il poster di una mostra di Kandinskji come quelli che ci sono attaccati nelle hall di tutti gli alberghi di tutto … Read More